biodinamicabiodinamica.htmlshapeimage_1_link_0
homehome.htmlshapeimage_4_link_0
gallerygallery.htmlshapeimage_5_link_0
contatticontatti.htmlshapeimage_6_link_0
linkslinks.htmlshapeimage_7_link_0
craniosacrale è...
juliejulie.htmlshapeimage_9_link_0
E’ un’esperienza sottile, profonda, intima, che ti penetra con una sorprendente dolcezza e facilità e non solo nel fisico, che si abbandona con spontanea ingenuità, ma nel vero “cuore”di noi stessi, toccando quelle corde che da tempo aspettavano di vibrare per donarti tue e soltanto tue emozioni pulsanti al ritmo della danza interna alla colonna vertebrale...

Giancarlo, 46 anni

E’ tuffarsi all’interno del corpo a riscoprire paesaggi sommersi da anni di disattenzioni nei confronti di sé.
È il corpo che insegna, che impara e che riequilibra se stesso. È ritrovare la fluidità del movimento in un profondo silenzio interiore, frutto inaspettato e spontaneo dell’osservare quel che all’interno di noi accade.

Virginio, 32 anni

Prima di cominciare la craniosacrale biodinamica lottavo contro il mio fisico ritenendolo la causa del mio malessere. Con il percorso intrapreso ho scoperto, forse per la prima volta, il mio corpo, imparando sopratutto ad ascoltarlo. Il dolore fisico da presunta causa è diventato segnale di un bisogno da comprendere, il corpo da nemico a compagno di viaggio in grado di rivelare profondità impensate.

Fabrizio, 26 anni
In un giorno di tempesta chi è più forte tra la quercia e il giunco?

Eleonora, 9 anni
Gli effetti sono notevoli, veloci e hanno toccato ogni angolo della mia vita. Mi sento presente, viva, forte, e piena di risorse. Adesso so trovare il mio benessere intreriore, questo è un dono per la vita. 

Tara, 32 anni

E’ un’esperienza affascinante, sia per il fatto di osservare e sperimentare una metodologia olistica e scientifica al tempo stesso, sia perché mi ha dato il permesso di rientrare in contatto con parti di me che da tempo erano state dimenticate. 

Silvio, 28 anni

E’ un viaggio dentro il corpo e la destinazione di un viaggio del genere non può che essere il silenzioso raggiungimento di se stessi. 

Elena, 37 anni

E’ un tocco delicato e discreto che ha finalmente permesso alla mia schiena di respirare.

Vinci, 60 anni
Content copyright 2009. Julie Rimmington. All rights reserved